Specie di spazi, Georges Perec

Georges Perec (1936 – 1982) è stato uno scrittore francese e membro dell’OuLiPo (“Ouvroir de Littérature Potentielle”, ovvero “officina di letteratura potenziale”), un gruppo di letterati e matematici fondato nel 1960 da Raymond Queneau e François Le Lionnais.
Appassionato di classificazioni e di elenchi, Perec apre Specie di spazi con la descrizione di una pagina bianca e, passando attraverso la trattazione meticolosa dei luoghi dell’abitare umano (il letto, la camera, la porta, l’appartamento, il palazzo, la città, la campagna, la nazione), termina con alcune riflessioni sullo spazio siderale.
Nelle pagine iniziali del suo libro ci avverte: „Insomma, gli spazi si sono moltiplicati, spezzettati, diversificati. Ce ne sono di ogni misura e di ogni specie, per ogni uso e per ogni funzione. Vivere, è passare da uno spazio all’altro, cercando il più possibile di non farsi troppo male.” (p. 12)

Georges Perec
Specie di spazi
Traduzione di Roberta Delbono
Titolo originale: Espèces d’espaces
Torino: Bollati Boringhieri, 2016
ISBN 978-88-339-0498-6
Edizione in lingua italiana
115 pagine