Museion invita alle visite guidate via Zoom su “Genealogia di Damnatio Memoriae” delle artiste Goldschmied & Chiari

Goldschmied & Chiari, "Genealogia di Damnatio Memoriae", 2009. Collezione Museion. Foto Museion

Giovedì 11 e giovedì 18 marzo 2021
alle ore 18 in lingua italiana con la mediatrice Francesca Fattinger:
https://bit.ly/3ejJE3e (codice di accesso: 753057)
alle ore 18.30 in lingua tedesca con la mediatrice
Greta Mentzel: https://bit.ly/2N0bZ3g  (codice di accesso: 697216)

 

Continuano online le visite guidate del giovedì a Museion dedicate ad esplorare le opere della collezione. Dopo gli appuntamenti sull’installazione di Matt Mullican esposta a Museion Passage, le visite delle prime settimane di marzo sono dedicate all’opera Genealogia di Damnatio Memoriae delle artiste Goldschmied & Chiari.
Da oltre un decennio è parte integrante dell’immagine di Museion dal lato Talvera, ma non tutti sanno che si tratta di un’opera d’arte e che fa parte della collezione Museion. Genealogia di Damnatio Memoriae è infatti un albero di magnolia molto speciale: sul tronco le artiste Goldschmied & Chiari hanno inciso i fatti e le date delle stragi che hanno sconvolto l’Italia negli anni tra il 1965 ed il 1987.

L’opera fa parte di un ciclo che si concentra sulla rilettura di alcuni fatti recenti della storia politica italiana. Il titolo si riferisce ad una pratica in uso nell’antica Roma, la Damnatio Memoriae, che consisteva nel punire il condannato eliminando tutte le memorie e i ricordi che lo riguardavano. Per questa installazione le due artiste hanno scelto di utilizzare, appunto, un grande albero di magnolia. I riferimenti alle stragi che hanno insanguinato l’Italia sono riportate sul tronco dell’albero in una sequenza potenzialmente infinita di eventi e relazioni che richiamano alla responsabilità dello Stato nella strategia della tensione e al ruolo dell’Italia nella Guerra Fredda.

L’albero è stato collocato davanti alla facciata di Museion sui prati del lato Talvera nel 2009. Un ulteriore esemplare dell’opera si trova al Castello di Rivoli di Torino. In passato, Museion ha presentato altri lavori delle artiste Goldschmied & Chiari: oltre alla partecipazione alla mostra “Group Therapy” nel 2006 con l’opera “Confine Immaginato” si ricorda la celebre installazione “Dove andiamo a ballare questa sera?”, esposta nel 2015 alla Casa Atelier di Museion, e attualmente riproposta dalla Galleria Poggiali a Milano. Infine, come l’artista Matt Mullican anche Goldschmied & Chiari hanno realizzato un’opera per recinzione del cantiere del nuovo Museion nel 2006, intitolata Ninfee #16.

 

In questa fase di chiusura forzata, Museion continua così a mantenere attivo un contatto con il pubblico. Inoltre, l’albero di Goldschmied & Chiari, in quanto opera nello spazio pubblico e visibile anche semplicemente passeggiando, si presta particolarmente ad essere approfondita. La partecipazione alla visita guidata online è libera. Non occorre prenotazione, basta collegarsi al seguente link https://bit.ly/3ejJE3e per la visita in italiano alle ore 18 (codice di accesso: 753057) e al link https://bit.ly/2N0bZ3g per la visita in tedesco alle 18:30 (codice di accesso: 697216).