Workshop con Patternhouse

Patternhouse
Workshop

18 novembre dalle ore 15.30 alle ore 16.30
MUSEION
In lingua italiana e tedesca
Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria. Iscrizione tramite Eventbrite

 

Il metodo Patternhouse è stato sviluppato in collaborazione con la struttura psichiatrica riabilitativa del servizio medico altoatesino Casa Basaglia a Sinigo, vicino a Merano. 

In questo workshop i e le partecipanti avranno l’opportunità di praticare il metodo Patternhouse. I tessili realizzati a Museion saranno poi inseriti in una collezione di cuscini esclusivi di Casa Basaglia, supportando così il progetto e il suo ulteriore sviluppo.

“Mettiamo in mostra le capacità e i talenti delle persone che vivono con problemi di salute mentale”. Con questa affermazione Martina Drechsel, fondatrice e direttrice creativa, definisce il progetto di design Patternhouse che nasce dalla ricerca. Il metodo Patternhouse si basa su un flusso di lavoro semplice e strutturato in modo chiaro che consente al singolo e alla singola paziente di lavorare in modo creativo e autonomo, allenando e reimparando abilità cognitive e motorie. Il filo conduttore è la creazione di pattern e il lavoro con i colori. Le tecniche artigianali facilmente impiegabili incontrano le idee dell’arte contemporanea. Il processo creativo è aperto e personale, senza scadenze o vincoli temporali. Una delle caratteristiche più importanti del metodo Patternhouse è il successo garantito: tutti e tutte riescono in ciò che hanno iniziato, anche nelle giornate meno felici!

 

 

I e le partner

Martina Drechsel, Fondatrice e direttrice creativa di Patternhouse
Dottoressa Verena Perwanger, primaria del Servizio Psichiatrico di Merano
Cooperativa Sociale GHELOS s.c.s – O.N.L.U.S + Casa Basaglia
Carolin Kiesswetter, psicologa e responsabile del laboratorio di Casa Basaglia
Evi Pittscheider, designer tessile e sarta presso il laboratorio di Casa Basaglia

 

Martina Drechsel vive e lavora tra Bolzano e Monaco. Cresciuta a Bolzano, ha studiato Moda all’Accademia di Costume e Moda di Roma e poi comunicazione visiva all’E.S.A.G. Penninghen di Parigi. Dopo la tesi di diploma con Roman Ciesclewicz, ha fatto parte per un anno del collettivo francese di graphic design Grapus. Dal 1989 al 1992 ha lavorato come artista freelance a Berlino, per poi trasferirsi a Monaco di Baviera e disegnare per quattro anni la copertina della neonata rivista Focus (Burdaverlag). È professoressa con contratto quadriennale in Comunicazione visiva presso la Facoltà di Design della Libera Università di Bolzano e ha fondato due start-up nel campo dello storytelling e delle lingue straniere. Espone i suoi disegni dal 2008. Dal 2016 tiene corsi di Visual Thinking. Nel 2018 ha fondato Patternhouse, un progetto di ricerca sul design che supporta la riabilitazione di persone con malattie mentali.

Verena Perwanger è nata a Bolzano nel 1961. Ha studiato medicina all’Università di Innsbruck e ha completato la sua formazione specialistica in psichiatria all’Università di Verona e al Maudsley Hospital di Londra. Possiede una formazione in terapia e supervisione sistemica. Ha lavorato presso il Servizio Sanitario dell’Alto Adige dal 1991 e dal 1998 presso il Servizio Psichiatrico del Distretto Sanitario di Merano. Dal 2003 al 2014 è stata responsabile del centro di riabilitazione psichiatrica “Casa Basaglia”, mentre dal 2014 è medico primario del Servizio Psichiatrico di Merano. Le sue principali aree di interesse sono la riabilitazione psichiatrica e la gestione della de-escalation.